L’amore addosso

4.5

La scrittrice Sara Rattaro torna il libreria con un nuovo capolavoro tutto dedicato al mondo femminile: l’amore addosso. Un libro che va dritto al cuore e che risveglia le emozioni. Già autrice di altri capolavori, quali, Non volare via, Niente e come te, Splendi più che puoi, con questo libro, Sara vuole mettere a nudo le diverse sfaccettature del suo personaggio e porta il lettore ad immedesimarsi con lui.

La trama

Ancora una volta la protagonista del romanzo di Sara Rattaro è una donna; una donna figlia della sua fragilità, imperfetta e totalmente chiusa dentro i “non detto”, in quel mondo di cose non rivelate e non fatte, tali da creare una montagna insormontabile. Ma proprio perché così imperfette, le protagoniste dei suoi romanzi, risultano essere vere.

Ne l’amore addosso, la protagonista è l’altra, ovvero l’amante, quella che sa ma non può parlare. Quella che vorrebbe esserci ma non esiste per nessuno. E così, Giulia si ritrova a vivere una storia che sembra un paradosso di equivoci, invece è solo un romanzo di veri sentimenti.

Giulia e Federico stanno insieme in spiaggia, quando lui si sente male e lei lo accompagna al pronto soccorso. Una volta arrivati qui, Giulia non può rivelare la sua identità e il suo ruolo. Quindi finge di essere un’estranea, di non conoscere Federico. Per uno strano caso del destino, anche suo marito Emanuele è vittima di un incidente e si trova in ospedale con un’altra donna: Silvia.

Un romanzo che sembra un gioco di equivoci, ma che in realtà mette il luce il volto di una donna vera e sofferente, una donna che si porta dietro profonde ferite del passato e che ha scelto il ruolo dell’altra, perché più comodo, più libero, con meno impegni e soprattutto che la fa sentire piena e viva.

Giulia: divisa fra segreti e bugie

Giulia decide di consacrare il senso di responsabilità in un matrimonio perfetto, per dimostrare di essere moglie e figlia devota da un lato e poi amante disinibita dall’altro. La sua doppia vita, la sua maschera viene però a crollare quando l’amore esplode e di cade addosso.

Giulia quindi la conosciamo in un corridoio di un ospedale, divisa a metà fra il ruolo di moglie devota verso un marito che ha appena avuto un incidente e che lei sente di non amare più e l’ansia per la salute dell’amante, per cui prova un sentimento forte, che lei stessa ha accompagnato perché bisognoso di cure. Entriamo quindi nella vita di Giulia attraverso dei flashback sul suo passato. Scopriamo, un po’ per volta, quei segreti che hanno diviso la protagonista esattamente in due metà che ora, disperatamente cercano di ricongiungersi.

Riusciranno a riunirsi in un’unica Giulia?

E così, a mano a mano che le pagine scorrono, entriamo nel vivo di una storia. Storia a tratti drammatica a tratti romantica, dove emerge la vera identità di Giulia che si dipana nella complessità delle relazioni familiari ed affettive. e che sceglie di diventare un’amante trasgressiva per liberarsi dal peso di una madre ingombrante e da una vita che non riconosce come sua.

L’incontro con l’amore che ti cade addosso

Giulia sa di non amare più il facoltoso marito e si rifugia nel suo lavoro; proprio qui incontra l’altra sua metà, Federico e senza volerlo, l’amore le cade addosso. E ora si ritrova in un ospedale a recitare due ruoli differenti: ma chi è realmente Giulia? La moglie devota oppure l’amante innamorata? E cosa succede quando cadi nella trappola dell’amore?

A quel punto nulla ha più senso; ne le parole, ne le convinzioni. Quando finisci nella trappola dell’amore, non hai più possibilità di salvezza, non c’è soluzione, se non vivere il momento.

Giulia la possiamo definire come un’eroina moderna, una donna fragile, debole e non completamente artefice del proprio destino; una donna che incolpa gli altri per le cose che le sono accadute e che di conseguenza si crea un mondo parallelo. Giulia si nasconde dietro un muro. Per difendersi ha bisogno di provare delle emozioni forti e trasgressive che le servono per annullare tutto ciò che non va nella sua vita.

Fino a quando l’amore non ti cade addosso come un’onda distante dalla riva e tu non capisci cosa sta realmente accadendo. E a quel punto sei tu a decidere del tuo destino. Puoi amare o non amare; ma se scegli la strada dell’amore, allora le parole da sole non bastano , ma ci vuole senso di responsabilità e fiducia, ci vuole rispetto e un pizzico di coraggio.

Un libro da leggere… tutto d’un fiato

Il libro è scritto bene, con un linguaggio sciolto e fluente. Arriva dritto al cuore e che ti tiene col fiato sospeso fino all’ultimo. La scrittrice poi è stata bravissima nel calarsi nei personaggi; nel dare voce ai sentimenti non in maniera così scontata, ma lasciando i protagonisti liberi di amare e sbagliare e di riprendere poi in mano la loro vita.

Purtroppo se la prima parte del libro è molto coinvolgente, la seconda pare non mantenere alte le aspettative. L’attenzione iniziale per la folle storia d’amore di Giulia e Federico, si va concludendo troppo facilmente rispetto alla complessità iniziale. E Giulia rimane un’amante fragile e imperfetta.

Sicuramente il libro è consigliato, soprattutto per la  velocità con cui si legge. Inoltre, rispetto a tanti libri dai finali in sospeso, qui almeno abbiamo una “conclusione certa”.

Poi che possa piacere o meno, è solo una questione di gusto personale.