Wonder

4.25

Wonder film tratto dall’omonimo romanzo scritto da R.J Palacio pubblicato nel 2012, è una pellicola molto particolare. Tratta di una famiglia straordinaria, in cui vi è un bambino affetto da una malformazione del cranio che gli impedisce di vivere una vita normale. Una storia che fa riflettere, trattata da più punti di vista, emoziona lo spettatore sviluppando il tema della diversità in tutte le sue sfaccettature. Ecco allora la trama e la recensione di Wonder!

Trama

Il protagonista, August Pullman detto anche Auggie, è un bambino di dieci anni con una grave malformazione cranio facciale che lo obbliga fin dalla tenera infanzia a subire diversi interventi chirurgici per permettergli una vita quasi normale. Auggie ha un viso diverso dagli altri bambini, si nota subito la sua peculiarità ma ha un’intelligenza viva e per necessità viene istruito da sua madre per i primi anni della sua vita. Quando però diventa più grande i genitori, di comune accordo, decidono che è il momento di mandarlo a scuola insieme a tutti gli altri bambini  per cercare di farlo crescere al meglio.

Per il protagonista, i primi giorni sono molto difficili: i bambini ad una certa età sono spietati con il “diverso” e diventa vittima di bullismo. In seguito però egli comprenderà come integrarsi con i suoi compagni e farsi accettare nonostante tutto.

La Recensione

Il tema della diversità

Innanzitutto il film è diviso in capitoli ognuno dei quali ha come protagonista un determinato personaggio e ciò serve per mostrare la storia da più punti di vista. Sicuramente la storia di Auggie aiuta tutti noi a riflettere, quante volte la diversità è un difetto anziché un pregio? Cosa significa effettivamente essere diversi? Perché si giudica immediatamente l’aspetto esteriore prima di conoscere quello interiore?

Wonder è un film che porta ognuno di noi a guardare nel proprio intimo. Quante volte è capitato nel corso della vita di sentirsi a disagio, non accettati dalla società? Anche se la maggior parte di noi non aveva un problema fisico, forse soltanto qualche chilo in più ad esempio, è stato comunque vittima di persone che si sono sentite in diritto di farci sentire inferiori.

Auggie insegna proprio questo: nessuno può e deve farci sentire in difetto con noi stessi. È bene usare tutte le qualità interiori che si hanno per emergere e distinguersi volontariamente dalla massa.

La famiglia

Un altro valore importante che emerge dal film è l’importanza della famiglia, un rifugio sicuro dove nascondersi in cui trovi i tuoi cari sempre pronti a darti sostegno nei momenti di sconforto. I genitori di Auggie sono preoccupati per il figlio, sanno che per lui sarà difficile affrontare la vita ma non si tirano indietro, perché sono consapevoli del fatto che loro figlio ha la giusta forza d’animo e capacità per cavarsela in ogni situazione.

La figura che emerge è di una coppia innamorata che cerca di mantenere un giusto equilibrio e che ha educato entrambi i figli in modo sano e ragionevole: Auggie non è un bambino viziato, è stato trattato esattamente come se fosse “normale” proprio perché effettivamente lo è. O meglio, in realtà non è un bambino comune ma non a causa del suo aspetto fisico, bensì per la sua intelligenza fuori dal normale che lo aiuterà anche a farsi degli amici. Entrambi i genitori hanno molto coraggio, si danno aiuto a vicenda e vogliono il meglio per i loro figli.

La sorella, Olivia, è una ragazza capace e molto altruista. A volte si sente messa da parte a causa delle attenzioni date al fratello, ma non lo fa pesare ai suoi genitori perché comprende fino in fondo la situazione e con Auggie si sostengono reciprocamente, instaurando un bellissimo rapporto.

Perché lo consiglio

Il film è adatto a tutti poiché tratta di alcuni valori fondamentali per la vita di ognuno di noi: la famiglia, la forza d’animo, il coraggio, l’altruismo, l’amore, il sacrificio. Tutte qualità che nella società odierna sembrano essere dimenticate. Probabilmente ognuno di noi dovrebbe pensare, fare introspezione e riflettere: dove sono finiti i veri valori? Wonder fa proprio questo, aiuta a riscoprire le cose importanti della vita, troppo spesso messe da parte. Consigliatissimo!